noscript image
GooglePlay Logo AppStore Logo

Stoccata di Al-Khelaifi a Neymar: “Nessuno l’ha costretto a firmare per noi”

Besoccer by Besoccer 0 890

Stoccata di Al-Khelaifi a Neymar: “Nessuno l’ha costretto a firmare per noi”

Besoccer by Besoccer 0 890

Il presidente del PSG, Nasser Al-Khelaifi, punge Neymar e si sbilancia su Mbappé: “Resta con noi, sono sicuro al 200%”.

Quella che si è da poco conclusa, è stata una stagione non all’altezza delle aspettative per il PSG. Il club parigino ha sì vinto per l’ennesima volta il campionato francese, ma ha profondamente deluso in Champions League ed è incappato in una serie di problemi che l’hanno portato a chiudere l’annata in netto affanno.

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

Il PSG sta già correndo ai ripari, tanto che ha puntato sul ritorno di Leonardo. Una scelta, quella legata all’ex direttore dell’area tecnica del Milan non casuale, così come confermato da Nasser Al-Khelaifi a France Football.

“E’ stata un’idea che non è venuta dalla notte al giorno. E’ stata una riflessione che è maturata gradualmente fino a prevalere alla fine. Mi sono reso conto che dei cambiamenti erano essenziali, altrimenti non saremmo andati da nessuna perte. Era tempo di cambiare. Arriva un momento nel quale un club deve darsi nuovo slancio. Non potevamo continuare così”.

Il presidente del PSG non ha nascosto le sue responsabilità.

“Ci mancavano carattere e autorità. A me per primo e lo riconosco. Non voglio sottrarmi alle mie responsabilità. Sono il primo colpevole. Non mi nascondo e non incolpo altri, o i giocatori o l’allenatore. Questa stagione non ha funzionato per colpa mia, ma tutto questo cambierà”.

Nasser Al-Khelaifi vuole dai suoi giocatori più senso di appartenenza e meno comportamenti da star.

“Il gruppo deve riguadagnare un po’ di rigore. Se un giocatore commetterà un errore, Leonardo gli ricorderà che il club è ben al di sopra di lui. I giocatori dovranno assumersi le loro responsabilità ancor più di prima. Devono essere orgogliosi di indossare la maglia del PSG, non sono qui per farci un piacere. Per chi non è d’accordo le porte sono aperte. Ciao. Non voglio più vedere comportamenti da star”.

Il presidente del PSG ha messo a tacere le voci legate ad un possibile addio di Mbappé.

“Lui vuole essere più coinvolto nel nostro progetto per crescere con la squadra e il club. Io gli ho spiegato che le responsabilità non si chiedono, bisogna andare a prendersele, a volte a strapparle via. Lui è molto intelligente e sono convinto che ha capito. Se resterà con noi il prossimo anno. Non sono sicuro al 100%, ma al 200%! Non lo lasceremo andare”.

Infine una stoccata a Neymar. L’asso brasiliano, arrivato nell’estate del 2017 a fronte di un esborso da 222 milioni di euro, è incappato in una stagione complicata dentro e fuori dal campo e non è mai parso così vicino a poter lasciare Parigi.

“Io voglio giocatori disposti a tutto per difendere l’onore della maglia e aderire al nostro progetto. Chi non vuole o non capisce, può vedersi con me e ne parliamo. Ci sono ovviamente dei contratti da rispettare, ma l’adesione totale al nostro progetto ha la priorità su tutto. Nessuno lo ha costretto a firmare per noi. Nessun lo ha spinto. E’ venuto coscientemente per unirsi al nostro progetto”.

Besoccer

Besoccer

notizie 12K RANK 1
reads 1M RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook