noscript image

"Sostituire Buffon non è facile, Ronaldo come Bolt e Federer"

Besoccer by Besoccer 0 49

Pin Chiellini elogia Gianluigi Buffon. AFP
Chiellini elogia Gianluigi Buffon. AFP

"Sostituire Buffon non è facile, Ronaldo come Bolt e Federer"

Besoccer by Besoccer 0 49

Chiellini e la vita da capitano: "Non devi farti gli affari altrui e mantenere l'equilibrio. Io con la cresta? Posso incidermi la testa come Pogba".

Giorgio Chiellini racconta la sua nuova vita da capitano della Juventus in una lunga intervista doppia rilasciata a 'La Stampa' insieme al campione di atletica Filippo Tortu.

Il difensore bianconero ammette come raccogliere l'eredità di Gianluigi Buffon non sia stato semplice, anzi.

"Mettere d’accordo 25 persone nel quotidiano è dura. Da capitano non devi farti gli affari altrui, ma mantenere l’equilibrio e in uno spogliatoio multietnico con origini, abitudini e religioni diverse non è sempre facile. Però condividere è bello. Ti faccio i complimenti perché devi avere una forza mentale fuori dal comune per essere te, ancora te, sempre te e solo te".

Chiellini quindi spiega il suo rapporto con Cristiano Ronaldo che viene definito 'interessante'.

"Leader si diventa, io sono curioso, sono un buon osservatore e imparo. Avere vicino Ronaldo, per esempio, è interessante. È di quelli come Bolt, Federer: conoscere le abitudini di chi ha una marcia in più serve. Non per imitare, per allargare il punto di vista".

Le vittorie d'altronde cambiano tutti e in tal senso Chiellini racconta un retroscena sull'Italia 2006.

"Lloris ha detto che dopo il Mondiale vinto ha avuto mesi difficili perché non trovava nuove forze o motivazioni. Credo che in nazionale sia così, l’ho visto sugli juventini che avevano vinto nel 2006 , erano stralunati. Con il club è diverso, alla Juve una vittoria è soprattutto sollievo: “Questa è andata”.

Infine Chiellini commenta scherzosamente il Festival di Sanremo appena terminato e paragona gli uomini di spettacolo ad alcuni calciatori.

"Sanremo l’ho visto 10 minuti ma mi è capitato uno coperto di tatuaggi che tutto in piano non deve essere. Del resto succede anche nel calcio: Nainggolan non è come me, ma non meglio o peggio solo completamente diverso. Vale pure nel nostro spogliatoio: ho vissuto con Vidal per anni, buono come il pane ma... particolare. Io con la cresta? Capelli non ne ho, al massimo posso incidermi la testa alla Pogba".

Besoccer

Besoccer

Notizie 6,514 RANK 1
reads 346K RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook