noscript image
GooglePlay Logo AppStore Logo

"Sacchi non ha inventato nulla, vinceva con la difesa"

Besoccer by Besoccer 0 17

Pin Van Basten riscrive la storia: 'Sacchi non ha inventato nulla'. Goal
Van Basten riscrive la storia: 'Sacchi non ha inventato nulla'. Goal

"Sacchi non ha inventato nulla, vinceva con la difesa"

Besoccer by Besoccer 0 17

Marco Van Basten parla del suo Milan: “La storia l’hanno fatta i giocatori, Sacchi non ha inventato nulla, vincevamo grazie alla difesa”.

E’ stato uno dei più grandi attaccanti di ogni tempo, la punta di diamante di una squadra straordinaria capace di dominare in Europa e nel mondo. Il nome di Marco Van Basten sarà per sempre legato a quello del Milan squadra con la quale ha vinto tutto ciò che un giocatore può desiderare.

Il ‘Cigno di Utrecht’ era lo straordinario terminale offensivo di quella che è considerata una delle compagini più forti di sempre, in rossonero però non tutto per lui è andato alla perfezione.

Parlando a 7, il magazine del Corriere della Sera, l’ex fuoriclasse olandese ha ammesso di non aver avuto un grande rapporto con Arrigo Sacchi.

“Non c’è mai stato feeling personale tra me e lui. Non mi ha mai dato l’impressione di essere onesto nei rapporti umani. Non era mai diretto. Andava a zig zag. Quando non era contento di come ci allenavamo, se la prendeva con i giovani, con i più deboli, che magari invece erano in testa a tirare il gruppo”.

A detta di molti Sacchi, con le sue idee, si è ritagliato un posto tra i più grandi tecnici di sempre, ma secondo Van Basten non è stato lui a fare la storia.

“L’hanno fatta i suoi giocatori. Quel Milan era una delle squadre più forti di sempre. Lui ha avuto una parte importante. Era bravo a farsi amici i giornalisti, ha saputo costruire una immagine da grande innovatore”.

L’ex fuoriclasse olandese, ha anche escluso il fatto che Sacchi sia stato un innovatore.

“Non ha inventato nulla. Il modulo che usava il Milan non era né rivoluzionario né offensivo. Schieravamo difensori eccezionali. A farci vincere così tanto è stata sempre la difesa, alla quale lui si applicava molto, dedicando invece poco tempo alla fase offensiva”.

Van Basten ha anche ricordato un episodio del quale non va fiero.

“Una volta negli spogliatoi gli dissi che vincevamo non grazie a lui, ma nonostante lui. Ci rimase così male, che uscì senza dire nulla. Sentii di averlo ferito. E non lo meritava. Uno sfregio gratuito, del quale mi dispiaccio ancora, anche se è passato tanto tempo. A livello personale, non ho problemi con lui, lo ricordo con affetto”.

Secondo Van Basten, i giocatori sono più importanti degli allenatori.

“I giocatori sono più importanti. Contano solo loro, nel calcio. L’allenatore bravo è quello che li fa rendere al meglio, senza imporre per forza le sue idee”.

Besoccer

Besoccer

notizie 22K RANK 1
reads 1M RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook