noscript image
GooglePlay Logo AppStore Logo

"Non serve che dicano che sono stato il migliore, lo so..."

Besoccer by Besoccer 0 51

Pin Romario, ricorda la sua carriera. AFP
Romario, ricorda la sua carriera. AFP

"Non serve che dicano che sono stato il migliore, lo so..."

Besoccer by Besoccer 0 51

Romario ricorda la sua carriera in un'intervista a "Globo Esporte", giungendo alla conclusione che sia stato il miglior calciatore al mondo, senza dar retta a ciò che dicano o pensino gli altri.

L'ex attaccante Romario, oggi politico, si racconta in un episodio di "Os Indomáveis" di "Esporte Espetacular" e come sempre, lascia tutti di stucco.

"Non serve che qualcuno dica che sono stato il migliore al mondo. So di esserlo stato e morirò con questa consapevolezza", esordisce l'ex Campione del Mondo, sostenendo di non essersi pentito nemmeno di quell'aggressione ad un tifoso del Fluminense, in un allenamento del 2003.

"So di aver detto delle caz**ate in questi anni", aggiunge. "Mi considero un tipo polemico, non posso farci niente. Secondo i miei genitori, sono stato un giocatore di grande personalità. Altri hanno voglia di parlare, ma per paura o non so che, alla fine non lo fanno e rimangono frustrati", spiega Romario.

Durante l'intervista, ricorda una delle sue liti più famose in Spagna, con il "Cholo" Simeone durante un Siviglia-Barcellona, che gli costò un cartellino rosso.

"Entrai nel secondo tempo, avevo una scarpa slacciata e mi chinai ad allacciarla. Dunque, Simeone passò e mi schiacciò il piede. Allora, al corner seguente lo colpii in faccia. Pum! A dormire...", conclude. 

Besoccer

Besoccer

notizie 23K RANK 1
reads 1M RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook