noscript image

L'Iran censura il Man Utd: via il diavolo dal logo

Besoccer by Besoccer 0 33

Pin L'Iran censura il Man Utd: via il diavolo dal logo. Goal
L'Iran censura il Man Utd: via il diavolo dal logo. Goal

L'Iran censura il Man Utd: via il diavolo dal logo

Besoccer by Besoccer 0 33

La tv iraniana ha deciso di censurare il logo del Manchester United: tolto il diavolo rosso, sugli schermi è stato proiettato il vecchio stemma.

Battuto per 2-0 nell'andata degli ottavi di finale di Champions League dal Paris Saint-Germain, il Manchester United di Ole Gunnar Solskjaer nella brutta serata di ieri si è visto anche censurare il proprio logo dalla tv iraniana.

Un episodio curioso, derivante dal fatto che nel paese islamico è vietato riprodurre immagini di creature mitiche o demoniache. Per questo motivo l'Iranian TV ha deciso di eliminare il diavolo rosso presente nel logo del club inglese, proiettando sui propri schermi il vecchio stemma del club.

Un salto indietro di ben 47 anni, ovvero l'ultima volta che il Manchester United utilizzò il logo al cui centro era posta una barca e non l'ormai noto diavoletto rosso. In passato infatti il club inglese aveva scelto di onorare la grande tradizione portuale della città inserendo un simbolo navale nel proprio stemma.

Un storia interrotta poi nel 1973, quando per volontà di Sir Matt Busby i giocatori del Manchester United iniziarono a essere chiamati Red Devils e il club decise di inserire questo simbolo anche nel nuovo logo.

Non è però la prima volta che lo stemma di un club subisce la censura da parte della tv iraniana. Lo scorso aprile era toccato infatti alla Roma, con i gli storici volti di Romolo e Remo oscurati poichè intenti a bere latte dalla lupa.

Un'immagine che il paese che affaccia sul Golfo del Persico non poteva accettare, con la società giallorossa che decise di sdrammatizzare pubblicando un'autocensura del logo sui propri account social in lingua inglese.

Besoccer

Besoccer

Notizie 6,433 RANK 1
reads 341K RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook