noscript image

"Icardi? Dipenderà da lui"

Besoccer by Besoccer 0 109

Pin Icardi? Dipenderà da lui. AFP
Icardi? Dipenderà da lui. AFP

"Icardi? Dipenderà da lui"

Besoccer by Besoccer 0 109

Marotta: "Icardi? Sarà fondamentale la sua volontà di restare. Vicini a chiudere con Godin. Juventus? La sua egemonia durerà ancora qualche anno".

La vittoria di Frosinone avvicina sempre di più l'Inter alla conquista del terzo posto in classifica, valido per la qualificazione in Champions League. Ai microfoni di Radio Anch'io Sport (trasmissione in onda su Radio 1) l'amministratore delegato Beppe Marotta è intervenuto su diversi argomenti.

L'ex Juventus conferma di aver avuto qualche difficoltà di ambientamento nei suoi primi mesi in nerazzurro.

"Ho avuto qualche difficoltà ad inserirmi, come capita sempre quando passi da una società ad un'altra. All'Inter posso garantire soprattutto esperienza. Come società abbiamo l'attenuante di aver cambiato tre proprietà in pochi anni. Paradossalmente è più facile avere successo in Champions che in Serie A. Non si può ancora controllare tutto, quindi capita che alcuni soggetti possano esprimere dei concetti che alla Juventus non avrebbero potuto esprimere".

Ed è purtroppo convinto che l'egemonia bianconera durerà ancora qualche stagione, visto l'eccessivo gap con le altre compagini, soprattutto in Italia.

"Sono sicuro che la Juventus sarà protagonista ancora per diversi anni perchè il gap economico e non solo al momento è tanto. I bianconeri sono un modello di riferimento non solo sul campo". 

Capitolo Icardi. Secondo il suo punto di vista ad essere decisiva sarà la volontà del giocatore.

"Icardi resta all'Inter? Nel calcio non si possono fare percentuali. Il ragazzo sta facendo esperienza dal punto di vista professionale ed è una risorsa per la squadra. Ha un contratto di due anni, parliamo di uno dei migliori attaccanti in circolazione. Faremo le valutazioni al momento giusto. La volontà della società è importante, ma è fondamentale anche quella del giocatore". 

Per quanto riguarda il futuro del club in generale, la volontà della dirigenza è chiara, crescere nonostante il fair-play finanziario ed acquistare giocatori dalla mentalità vincente. Agli sgoccioli la trattativa con Godin.

"La volontà della società è quella di migliorare anno dopo anno, vogliamo puntellare la rosa con calciatori che hanno la mentalità vincente .Stiamo trattando con Godin, che è uno che ha queste caratteristiche. Ripeto, la famiglia Zhang vuole far bene nonostante i paletti del fair-play finanziario".

Perisic rigorista al posto di Icardi, Marotta non ci vede nessuna situazione particolare, ma solamente una normale logica di spogliatoio.

"Rigore Icardi-Perisic? I giocatori non devono essere amici per forza, ma devono essere professionisti e raggiungere l'obiettivo prefissato dalla società. Il gesto di ieri dimostra che c'è unità di spogliatoio".

Capitolo allenatore. Nonostante le insistenti voci riguardo l'arrivo di Conte, Spalletti viene considerato il tecnico giusto anche per il futuro.

"Spalletti? Ha due anni di contratto e la squadra è in linea con gli obiettivi prefissati. Non è un novelliino, ha dimostrato di saper valere il suo ruolo. Conte? Le voci su di lui dipendono dal fatto che è libero ed ha un profilo vincente. E' normale che venga accostato alle società forti".

Nessuna voglia di commentare o esprimere opinioni riguardo un possibile scambio Dybala-Icardi il prossimo giugno.

"Dybala-Icardi? Il valore di Mauro è palese, anche se per adesso è involuto nel suo rendimento. Dybala è forte, anche dal punto di vista umano. Come Icardi parliamo comunque di due professionisti seri".

Besoccer

Besoccer

notizie 9,096 RANK 1
reads 643K RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook