noscript image
GooglePlay Logo AppStore Logo

Demme rivela: "Mio padre ha pianto quando ho firmato per il Napoli"

Besoccer by Besoccer 0 28

Demme rivela: "Mio padre ha pianto quando ho firmato per il Napoli"

Besoccer by Besoccer 0 28

Diego Demme racconta l'ambientamento in Italia a 'Sport Bild': "Qui si vive per il calcio, la prima settimana non potevo nemmeno uscire".

A gennaio Diego Demme ha lasciato il Lipsia dopo ben sei anni, con tanto di fascia da capitano al braccio. In più, dopo una vita trascorsa in Germania, si è catapultato in Italia per giocare con il Napoli. Lui che ha origini italiane, ma che non aveva mai giocato in Italia.

Ai microfoni di 'Sport Bild', il centrocampista del Napoli ha raccontato proprio il momento del fatidico trasferimento.

"Prima di tutto voglio ringraziare il Lipsia, recentemente ho anche chiamato il direttore sportivo per ringraziarlo di nuovo. Non è scontato che una squadra ti lasci andare così pur essendo un titolare fisso. Mio padre ha pianto appena ho firmato il contratto con il Napoli (il padre è italiano ndr). La prima volta che sono entrato al San Paolo, per me, è stato molto commovente".

E fin da subito Diego Demme è stato fondamentale in campo per il nuovo Napoli di Gattuso.

"Il mio ambientamento nel Napoli l’avevo sognato proprio così. L'allenatore mi ha lanciato fin da subito a centrocampo e tutto è andato per il meglio. È ovviamente un onore che Gattuso abbia creduto in me immediatamente. Lui e Pirlo sono sempre stati i miei modelli di riferimento. Che Gattuso in persona mi volesse è ovviamente incredibilmente bello. La cosa buona è che la sua idea di gioco è molto simile a quella di Julian Nagelsmann. Entrambi vogliono avere molto possesso e lasciare correre l'avversario".

Infine, un classico: la differenza di come viene vissuto e percepito il calcio da Lipsia a Napoli.

"Quando camminavo per Lipsia, al massimo, mi capitava di fare qualche selfie. A Napoli sin dall'inizio sono stato riconosciuto sempre. Nella mia prima settimana non potevo quasi andare al supermercato. Anche mentre ordinavo le cose dietro al bancone, gli impiegati uscivano per far le foto con me. Qui sono davvero pazzi per il calcio".

Besoccer

Besoccer

notizie 22K RANK 1
reads 1M RANK 1
More news author

Follow BeSoccer on Facebook